Top
Italia

Per un viaggiatore che lavora non c'è niente di meglio che sfruttare i ponti per partire. E proprio a fine 2018 c'è forse il ponte più atteso dell'anno: quello dei morti, che va da giovedì 1 a domenica 4 novembre. Da mesi il domandone che echeggia nell'aria è: "dove passare il ponte del 1 novembre?". Ecco dunque che abbiamo deciso di racchiudere in questo post non i classici luoghi dove si fugge per qualche giorno, ma 10 mete insolite che si possono raggiungere sia in aereo che in macchina. Sperando di poterti ispirare se ancora sei indeciso sul da farsi.

L’estate è ormai alle porte qui in Italia, ma per noi in verità non è ancora finita. Abbiamo in programma altri viaggi in mete calde e balneari, prima che finisca l’anno: ebbene sì, siamo dei grandi fan delle vacanze estive. Allontanarci dalla città afosa di Bologna è il momento più bello dell’anno. Ma cosa mettere in valigia per una vacanza estiva perfetta? Sicuramente una fotocamera digitale di Panasonic, quella non può proprio mancare, ma ci arriviamo tra poco. Nel corso degli anni, abbiamo imparato un sacco di trucchetti su come viaggiare il più comodo e leggero possibile durante l’estate, senza rinunciare a ottimi strumenti professionali. Quindi abbiamo pensato di condividere con voi la nostra lista definitiva di cose da mettere i valigia per una vacanza estiva perfetta. Questo post sul blog ha lo scopo di aiutarvi a decidere cosa portare per le tue future vacanze estive.

Kenya

Essere online è alla base della vita di un travel blogger. Specie quando si trova in viaggio e magari vuole condividere momenti ed emozioni sui social network. Per questo, durante il nostro viaggio in Kenya di 15 giorni, era necessario per noi avere la rete ed essere connessi ad internet. Come? Comprando una SIM africana. Lo so, probabilmente starai storcendo il naso riguardo a questo aspetto, soprattutto perché l'Africa è forse il luogo migliore in assoluto per sconnettersi dal mondo per qualche giorno. Ma per molte persone, non solo i travel blogger, è difficile staccare la spina da internet anche in viaggio. Ed è qui che viene in soccorso la SIM africana: semplice da usare, utilissima ed economica.

Kenya

Ce lo avete chiesto in tantissimi e allora non potevamo non dedicare un intero articolo alla questione cardine per chi vuole andare in Africa e vedere gli animali: come organizzare un Safari in Kenya. Safari in swahili vuol dire "viaggio" e quello che si fa nell'entroterra kenyota è un viaggio diverso dagli altri. Si tratta di un viaggio stressante, con ritmi non facili da sostenere per chiunque e in una condizione decisamente agli antipodi rispetto a quella a cui siamo abituati. D'altro canto, i panorami che si ammirano e le emozioni che si provano giorno dopo giorno rimangono indelebili nelle mente, sulla pelle e sui vestiti. Il Safari non è un viaggio qualsiasi, ma è il Viaggio. Un itinerario che chiunque almeno una volta nella vita deve vivere, per cui con questo post vogliamo cercare di semplificarti la vita, fornendoti diversi consigli e dandoti quanti più suggerimenti necessari per sapere come organizzare un Safari in Kenya al meglio.

Stati Uniti

Uno dei più grandi problemi che ci siamo posti prima di partire per il Coast to Coast negli USA era riferito al cellulare. "Come possiamo fare a navigare e a chiamare per 40 giorni senza spendere un patrimonio?". Spulciando su internet qua e la abbiamo trovato la soluzione più congeniale e che ora vogliamo condividere per chi dovesse stare via molti giorni negli States come noi: comprare una SIM americana.

Paesi bassi

Mentre eravamo in viaggio nel piccolo paesino di Giethoorn, la "Venezia del Nord" dove sono presenti quasi esclusivamente ponti e canali, in molti ci hanno chiesto come poter raggiungere questo luogo incantato e così poco conosciuto nei Paesi Bassi. Ecco perché abbiamo deciso di dedicare il primo post sulla nostra avventura olandese proprio a fornire indicazioni su come arrivare a Giethoorn, sia partendo da Eindhoven sia da Amsterdam.