Top
Marocco

Se la cultura e le autentiche esperienze locali sono la ragione principale dei tuoi viaggi, Fes dovrebbe essere in cima alla tua lista dei desideri. Questa vecchia città è l'esempio migliore della vera cultura araba. Noi abbiamo avuto l’opportunità di scoprirla grazie al tour operator In Marocco Con Lisa durante il nostro primo viaggio di gruppo, e, dopo il nostro itinerario di Marrakech, ecco qui la nostra guida su cosa fare a Fes in due giorni.

Marocco

Hai voglia di scappare per un weekend fuori dalla solita routine di tutti i giorni? Marrakech è la scelta che fa per te. E noi abbiamo preparato per un itinerario personalizzato su cosa fare e vedere a Marrakech in due giorni. Nell'ultimo decennio, Marrakech è diventata una vera e propria destinazione turistica. Questa meravigliosa e misteriosa città è circondata da scenari epici ovunque guardi, in quanto si trova sotto le splendide vette della catena montuosa dell'Atlante. I visitatori amano passeggiare nei vicoli labirintici della Medina (la città medievale fortificata dai tempi dell'impero berbero) e vedere i souk colorati e vivaci con la loro combinazione di profumi ricchi, musica e voci che permeano l'atmosfera. Ma per non rischiare di rovinarti questo viaggio mozzafiato ti consigliamo di acquistare l'assicurazione sanitaria Heymondo, la stessa che abbiamo noi e con la quale ci troviamo benissimo. Se ancora non hai trovato il posto perfetto per dormire, noi ti consigliamo il Riad Altair, di cui abbiamo già parlato in questo post. Se avrai solo 48 ore per visitare Marrakech, vorrai spenderle con saggezza. Il nostro itinerario su cosa vedere a Marrakech in due giorni ti garantirà di non perdere nulla di importante: iniziamo!

Kenya

Cosa portare in valigia per un Safari è una scienza: devi essere preparato sia per i cambi repentini delle temperature, il sole sempre alto e molta polvere, sia per l'ora del cocktail e un tuffo in piscina, e tutto deve adattarsi in un borsone morbido con un rigido limite di peso. Noi l'abbiamo sperimentato a nostre spese durante il Safari in Kenya fatto ad Agosto. Tieni presente che la maggior parte degli organizzatori di safari fornirà ai viaggiatori una lista dettagliata di cosa portare in valigia per un Safari, quindi controlla attentamente tutti i dettagli specifici (oltre a eventuali vaccini o farmaci di cui potresti aver bisogno) prima di partire. L'abbigliamento da safari deve essere traspirante, neutro e regolabile sia per le temperature calde che per quelle fredde. Raccomando di preferire in particolare colori neutri, come verdi e marroni, e mescolarli tra loro anche più volte, poiché ci sono limiti ferrei del peso del bagaglio.

Kenya

Dopo il nostro incredibile Safari di 6 giorni in Kenya, era giunto il momento per noi di rilassarci a dovere. E dunque, quale posto più confortevole del Turtle Bay Beach Club: il miglior resort a Watamu, sulla costa? Siamo stati ospiti di questo resort per 6 notti e non potevamo trovarci meglio. Così abbiamo deciso di raccontarvi direttamente il nostro rilassante soggiorno, non solo tramite foto e video sui social, ma anche con un post apposito sul blog.

Kenya

Dopo una settimana intera tra le savane del Kenya, ci siamo spostati sulla costa, più precisamente a Watamu, per un po' di sole e mare. Durante il nostro soggiorno qui, abbiamo deciso di affidarci a Discovery Kenya per provare le tre migliori escursioni da fare a Watamu. E per fortuna, in viaggio, eravamo coperti dall'assicurazione sanitaria, altrimenti avremmo rischiato di rovinarci l'esperienza in questo paradiso kenyota. Con Discovery Kenya siamo quindi andati all'esplorazione di questo piccolo angolo di paradiso, facente parte della zona protetta Watamu National Marine Reserve. Discovery Kenya è un’agenzia turistica locale guidata dal simpaticissimo Fragola: non fatevi ingannare dal soprannome italiano, è un bravissimo e super professionale ragazzo kenyota, che lavora con un team di ragazzi di tutto rispetto. E’ stato proprio Fragola a suggerirci le tre migliori escursioni da fare a Watamu e dintorni, realizzando per noi tre itinerari perfettamente organizzati e davvero indimenticabili.

Kenya

Essere online è alla base della vita di un travel blogger. Specie quando si trova in viaggio e magari vuole condividere momenti ed emozioni sui social network. Per questo, durante il nostro viaggio in Kenya di 15 giorni, era necessario per noi avere la rete ed essere connessi ad internet. Come? Comprando una SIM africana. Lo so, probabilmente starai storcendo il naso riguardo a questo aspetto, soprattutto perché l'Africa è forse il luogo migliore in assoluto per sconnettersi dal mondo per qualche giorno. Ma per molte persone, non solo i travel blogger, è difficile staccare la spina da internet anche in viaggio. Ed è qui che viene in soccorso la SIM africana: semplice da usare, utilissima ed economica.